La storia


IL SANTUARIO CROLLA!!!

In tutta la provincia si svolgono sotto un tempo inclemente, grandi manovre militari e tutta la zona di Boca è interessata.

crollo

La notte tra il 15 e il 16 agosto 1907 un temporale di inaudita violenza si scatena sulla zona del Santuario. Un fulmine spacca una delle chiavi della volta e provoca lesioni gravi alla colonna a destra verso la strada.

L’architetto Antonelli Costanzo fa subito collocare delle spie e puntellare le parti che gravano sulla colonna lesionata,con l’impegno di tenerla sotto osservazione continua.

Il 30 agosto è previsto per le ore 15 l’arrivo di due distaccamenti di soldati che però sbagliano strada e giungono con due ore di ritardo. Sempre alle ore 15 settanta stuccatori stanno arabescando la volta della Basilica. Il capomastro,notando un rivolo di polvereuscire dalle screpolature della colonna, grida agli operai di scendere subito e di uscire.
Risuonano nell’aria alcuni schianti, seguiti da un boato fragoroso e un tremendo polverone si alza al cielo. E’ crollato il Santuario!

Si grida al miracolo per la salvezza degli operai,dei soldati e di due coniugi che erano a pregare nella piccola chiesa rimasta ancora in piedi circondata di macerie.

Il crollo suscita vero dolore in tutti.
L’architetto Antonelli espone le cause della catastrofe, a suo dire dovuta ad un’azione violenta di una scossa atmosferica che ha trovato facile attacco nella cattiva qualità dei materiali adoperati per le colonne laterali.

Viene nominata una commissione tecnica che,quattro anni dopo il crollo, non raggiunge un pieno accordo.

Il Vescovo incita alla ricostruzione. Tutta la Diocesi partecipa e finalmente per dare alle funzioni religiose un ambiente decoroso,si sistema in fretta e furia la Rotonda.

L’Architetto COSTANZO ANTONELLI umiliato e disgustato dalle discussioni lascia il posto di Direttore Tecnico.