La storia


In breve, DON FRANCESCO commentando un testo del profeta Aggeo, adatto alla situazione di Boca, ricorda le promesse di Dio coloro che zelano la costruzione delle sue chiese, prevedendo lo sviluppo che il Santuario avrà negli anni a venire.

Il discorso desta vivissima impressione e i lavori riprendono.

Nel 1848 le colonne arrivano ai capitelli.

Nel 1854 è coperta la navata verso la strada e quattro anni dopo anche quella lungo il torrente è sistemata.

Nel 1895 la struttura essenziale è terminata.

prima-crollo

Si festeggia con solennità e si posa un busto, ad opera di GIULIO MILANOLI scultore nipote dell’ANTONELLI morto a Torino nell’88.

Mentre tutto pare incamminarsi verso una felice conclusione di tanti lavori e sacrifici, una prova terribile arriva per tutti.